Ecobonus 65% confermato anche nel 2019, senza modifiche

Ancora un anno di proroga dell'ecobonus 65% e delle detrazioni 50% per le ristrutturazioni edilizie valide fino al 31/12/2019. Prorogate tutte le agevolazioni per le riqualificazioni energetiche e antisismiche dei condomini.


Proroga fino al 31/12/2019 delle detrazioni fiscali 65%, delle detrazioni 50% per le ristrutturazioni edilizie e di tutte le agevolazioni per condomini e antisismica. Sono queste le disposizioni della Legge di Bilancio1 2019 approvata oggi 30 dicembre 2018.

Ci sono novità per l'ecobonus nel 2019 ?
La manovra 2019 conferma fino al 31/12/2019 tutte le disposizioni già in vigore per singole unità immobiliari:

    • proroga detrazioni 65% per la posa di isolamenti termici (come insufflaggio pareti e sottotetto e cappotto termico), l'installazione di caldaie a condensazione (di classe energetica superiore alla A) contestualmente all'installazione di valvole termostatiche e infine l'installazione di dispositivi domotici per il controllo da remoto degli impianti;
    • proroga detrazione 50% per l'intallazione di nuovi infissi, di schermature solari, impianti di climatizzazione invernale con caldaia a condensazione (di classe energetica di efficienza pari almeno alla A);
    • proroga detrazioni 50% per le ristrutturazioni edilizie;
    • detrazione antisismica del 50-70-80%2 fino al 31/12/2021.

Viene inoltre mantenuta la possibilità di cessione del credito dell’ecobonus dei singoli condòmini. I condòmini, oltre alla cessione della propria parte di credito per lavori su parti comuni del condomìnio a fornitori/imprese o ad istituti bancari, potranno ora cederla anche per singoli interventi sulle proprie unità immobiliari.

Quali sono le detrazioni per i condomìni ?

Anche per gli interventi su interi condomìni restano in vigore le disposizioni attuali valide fino al 31/12/2021:

    • detrazioni ecobonus 65-70-75% per lavori sulle parti comuni, a seconda del tipo di intervento3;
    • maxi-bonus 80-85%4 per interventi finalizzati, congiuntamente, alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica.
 
 

Leggi anche:
> Ecobonus 65%

Tutte le Flash News
Note:
1. Legge di Bilancio 2019 modifica gli artt. 14 e 16 commi vari della Legge 90/2013.
2. Aliquota base del 50%; aliquota del 70% con un miglioramento di una classe di rischio sismico; aliquota dell'80% con un miglioramento di due classi di rischio sismico. Le detrazioni si applicano ad edifici ricadenti in zona sismica 1-2-3. Importo detraibile massimo di euro 96.000 per ciascun anno.
3. aliquota base del 65%; aliquota del 70% se l'intervento interessa l'involucro dell'edificio con un incidenza superiore al 25% della superficie disperdente; aliquota del 75% se l'intervento è finalizzato a migliorare le prestazioni energetiche invernali ed estive.
4. Bonus valido per edifici in zona sismica 1-2-3. Aliquota aliquota dell'80% con miglioramento di 1 classe di rischio, dell'85% con un miglioramento di 2 classi di rischio. La detrazione è ripartita in dieci quote annuali di pari importo e si applica su un ammontare delle spese non superiore a euro 136.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio.


Pagina aggiornata il 28 dicembre 2018